Notte di Natale

Questa notte le parole lasciano il posto alla preghiera:

Signore, eccomi davanti a Te, stanco ma felice di incontrarti. Nel cammino per arrivare da Te ho lasciato per strada pezzi di vita che mi hanno dolorosamente segnato. Mi sono messo in cammino in una di quelle notti oscure della vita per incontrarti. Nel mio deserto, arso da scelte sbagliate, pieno di dolore e soprattutto indifferenza, ho cercato il tuo volto. Per strada ho incontrato amici e persone che hanno messo a nudo il mio cuore. Quante contraddizioni, quanti dubbi! Ma anche quanta voglia di amare, di dire grazie a tutte quelle persone che in silenzio hanno affiancato la mia strada. Sono partito che era buio nella mia vita, nel deserto che mi sono creato, mancava l’acqua, solo illusioni di oasi, di cuore inquieto, terra arsa che divorava le poche certezze.

Poi i miei dubbi! Sempre gli stessi, che ritornano…le mie paure. Ho provato a respirare lentamente, assaporando profumi e sensazioni ormai sepolte.

“Alzo gli occhi verso i monti, da dove mi verrà l’aiuto?” Il sole del tuo amore mi ha scaldato ed illuminato. Ora sono qui davanti a Te, carico di attese, di desideri, come Giuseppe anche io nei miei sogni inquieti ho cambiato il mio modo di pensare e di vivere. Manca ora l’ultimo passaggio: mi devo abbandonare e fidare.

La tua venuta è l’amore di Dio Padre che entra nella storia, sfidando tutte le regole. Un amore oltre ogni misura e logica. Ora Dio è con noi

Vorrei dire tante cose ma non trovo parole, silenzio che tu conosci. Questa notte è notte di amore, il buio diventa complice di intimità. Insieme a Maria e Giuseppe, credo ancora che i sogni, hanno speranza di eternità.

Nulla è impossibile a Dio, se mi fido e mi affido.

Porto con me, Gesù, tutta l’umanità incontrata nella mia vita quella che ho amato e quella non capita. Mi ha accompagnato nel cammino del cuore una comunità alla ricerca anch’ essa d’identità e desiderosa di trovare la gioia e l’ebbrezza di stupirsi.

I pastori davanti alla grotta mi insegnano che la via della vita è quella del cuore e dell’umiltà unito al desiderio di trasformare il tempo in sete di Te che sei la Via, la Verità e la Vita

Questa notte mi rendo conto desiderio e nostalgia si trasformano in frammenti di eternità perché tu sei l’Emmanuele. No siamo più soli ma Dio è con noi.

Volerò sul monte di Dio con ali di aquila …perché ormai con Te è giorno.

Ora è finalmente Natale, Buon Natale!

 

Don Rino

24 Dicembre 2019